Regolamento Referenti Regionali

(Modifica approvata dal Consiglio Direttivo AME il 4.7.2015 della versione 2004/2008, già modifica di quella approvata dal Consiglio Direttivo AME il 9.12.2002)

 

1. SEZIONI REGIONALI
L’AME istituisce sezioni regionali allo scopo di facilitare la promozione di iniziative locali di aggiornamento clinico e gestionale nel campo endocrino-metabolico e di favorire un rapporto diretto tra ogni iscritto, il Consiglio Direttivo ( CD) e la propria realtà sanitaria regionale.
Le sezioni regionali AME devono pertanto svolgere un ruolo informativo, propositivo e di rappresentanza presso le autorità sanitarie regionali.

 

2. ELEZIONE DEI REFERENTI REGIONALI E INCOMPATIBILITÀ

a.    Il responsabile di ciascuna sezione regionale è eletto, con voto a maggioranza semplice, dai soci di ciascuna regione a mezzo di votazione elettronica. La votazione con altri mezzi (posta ordinaria, fax o telegramma) è accettabile in casi particolari e dovrà essere adeguatamente motivata.

b.    Dopo la comunicazione per e-mail a tutti i Soci della data delle elezioni, le candidature dovranno pervenire al CD per via elettronica, su apposito form e corredate da breve curriculum, almeno 30 giorni prima della data fissata dal CD per la votazione. L’elenco dei candidati di ogni singola regione e le istruzioni per la votazione verranno trasmessi per via elettronica ai singoli iscritti almeno 15 giorni prima del voto. Contemporaneamente verranno inseriti anche sul sito AME il termine per le votazioni, l’elenco dei candidati e i rispettivi curricula.

c.     I soci aventi diritto (dotati di iscrizione già ratificata dal CD e già in regola con il pagamento della quota sociale) esprimeranno il loro voto in forma anonima per via elettronica sul sito web della Segreteria AME, utilizzando il proprio codice identificativo segreto.

d.    A norma di Statuto, la carica di Referente Regionale è incompatibile con la carica di membro del Consiglio Direttivo e con quella di Coordinatore dei Soci.

 

3. DURATA IN CARICA E REVOCA ANTICIPATA DEI REFERENTI REGIONALI
La durata in carica del Referente Regionale corrisponde a quella del CD ed è quindi pari a 2 anni.
Il Referente Regionale ha il diritto di presentare la sua candidatura per un ulteriore mandato. La ricandidatura sarà sottoposta a voto come da art. 2. Non è ammesso il rinnovo del mandato per più di due mandati elettorali consecutivi.
Il Referente Regionale deve trasmettere al CD AME entro il 31 Dicembre di ogni anno una relazione sulle attività formative ed organizzative svolte e sulle relazioni istituzionali intraprese nella regione di appartenenza.
Il Referente può essere revocato in anticipo rispetto alla scadenza del proprio mandato con delibera motivata del CD AME, ove palesemente sussista inadempienza dei propri compiti.
In caso non sia possibile procedere in tempi adeguati all’elezione del Referente Regionale, o di suo recesso o impedimento, il CD provvederà ad affidare l’incarico ad interim. Non appena tecnicamente possibile, si dovrà procedere al rinnovo del rappresentante locale.
In tutte le regioni il Referente Regionale deve individuare, fra gli iscritti all’Associazione in regola, la figura di un Segretario che lo coadiuvi nella propria attività e possa vicariarlo nei momenti di assenza. Il Segretario, proposto dal Referente Regionale, entrerà in carica dopo ratifica da parte del CD e il suo mandato è destinato a durare per un periodo analogo a quello del Referente Regionale.
In condizioni particolari, il Segretario può essere revocato in anticipo rispetto alla scadenza del suo mandato su proposta del Referente Regionale, dopo delibera motivata del CD.
Il Referente Regionale ha facoltà di istituire un gruppo di coordinamento regionale (per un massimo di 5 componenti ulteriori) per un maggiore e capillare coinvolgimento dei soci distribuiti sul territorio regionale.
Il gruppo di coordinamento regionale, una volta definito, deve essere comunicato al CD che provvederà a ratifica ufficiale. In condizioni particolari, uno o più componenti del Coordinamento Regionale possono essere revocati in anticipo rispetto alla scadenza del loro mandato su proposta del Referente Regionale, dopo delibera motivata del CD.
Il referente che ha terminato il suo mandato, al fine di assicurare la continuità delle iniziative in corso, coadiuverà il Referente Regionale di nuova nomina per i primi 6 mesi (Past Referent).

 

4. COMPITI DEI REFERENTI REGIONALI

a.    Promuovere e coordinare iniziative culturali e di aggiornamento, a carattere formativo o gestionale, proposte dagli iscritti della propria regione.

b.    Ricercare e promuovere rapporti con i responsabili regionali e locali delle amministrazioni sanitarie; monitorare la situazione normativa e strutturale delle realtà assistenziali endocrinologiche e diabetologiche; fornire supporto informativo gestionale e normativo ai singoli Soci che ne facciano richiesta.

c.     Organizzare, almeno una volta l’anno, una riunione degli iscritti della propria regione con carattere organizzativo e culturale.

d.    Curare i rapporti con le Associazioni locali dei Pazienti.

e.    Altri compiti, proposti dal responsabile stesso o richiesti dal Direttivo AME.

 

5. PRESENTAZIONE E APPROVAZIONE DELLE INIZIATIVE REGIONALI

a.    La via di inoltro delle proposte è sempre quella telematica.

b.    Le proposte dei Referenti Regionali e dei soci dovranno fare riferimento al regolamento della concessione dei patrocini, a cui si rimanda.

 

6. RIUNIONE ANNUALE DEI REFERENTI REGIONALI
Il Coordinatore dei Referenti Regionali potrà favorire il collegamento tra i Referenti Regionali e il CD AME, coordinando a livello nazionale le diverse iniziative.
Sono previste due riunioni annuali dei Referenti Regionali, di cui una in coincidenza con il Congresso Nazionale AME.