Regolamento Referenti Regionali

1) ISTITUZIONE DELLE SEZIONI REGIONALI

L’AME istituisce sezioni regionali allo scopo di facilitare la promozione di iniziative locali di aggiornamento clinico e gestionale nel campo endocrino-metabolico e di permettere un rapporto diretto tra ogni iscritto, il Consiglio Direttivo (CD) e la propria realtà sanitaria regionale.
Le sezioni regionali AME dovrebbero pertanto svolgere un ruolo informativo, propositivo e di rappresentanza presso le autorità sanitarie regionali.

2) ELEZIONE DEI REFERENTI REGIONALI E INCOMPATIBILITÀ

a) Il responsabile di ciascuna sezione regionale è eletto, con voto a maggioranza semplice, dai soci di ciascuna regione a mezzo di votazione elettronica. La votazione con altri mezzi (posta ordinaria, fax o telegramma) è accettabile in casi particolari e dovrà essere adeguatamente motivata.

b) Dopo la comunicazione per e-mail a tutti i Soci della data delle elezioni, le candidature dovranno pervenire per via elettronica, su apposito form e corredate da curriculum, al CD almeno 30 giorni prima della data fissata dal CD per la votazione. L’elenco dei candidati di ogni singola regione e le istruzioni per la votazione verranno trasmessi per via elettronica ai singoli iscritti almeno 15 giorni prima del voto. Contemporaneamente verranno inseriti anche sul sito AME il termine per le votazioni, l’elenco dei candidati ed i rispettivi curricula.

c) I soci aventi diritto (dotati di iscrizione già ratificata dal CD e già in regola con il pagamento della quota di iscrizione dell’anno precedente) esprimeranno il loro voto in forma anonima per via elettronica sul sito web della Segreteria AME. Il voto non verrà ritenuto valido se privo del codice identificativo segreto assegnato al socio. Verificata la regolarità delle elezioni, Il CD notifichera la nomina del Referente Regionale e ne dà comunicazione ai Soci.

d) A norma di Statuto, la carica di Referente Regionale è incompatibile con la carica di membro del CD e con quella di Coordinatore dei Soci.

3) DURATA IN CARICA E REVOCA ANTICIPATA DEI REFERENTI REGIONALI

La durata in carica del Referente Regionale corrisponde a quella del CD ed è quindi pari a 2 anni.
Il Referente Regionale ha il diritto di presentare la sua candidatura per un ulteriore mandato. La ricandidatura sarà sottoposta a voto come da art. 2.
Il Referente Regionale deve trasmettere entro il 31 Dicembre di ogni anno una relazione sullo stato delle iscrizioni, delle strutture e delle attività di endocrinologia clinica della regione di appartenenza al CD AME. Il Referente può essere revocato in anticipo rispetto alla scadenza del proprio mandato con delibera motivata del CD AME ove palesemente sussistano inadempienza dei propri compiti o incompatibilità ambientale.
In caso non sia possibile procedere in tempi adeguati alla elezione del Referente Regionale, il CD provvederà ad affidare l’incarico ad interim al Referente di una regione geograficamente adiacente. Non appena tecnicamente possibile si dovrà procedere al rinnovo del rappresentante locale.
E’ facoltà del Referente Regionale individuare fra gli iscritti alla Associazione in regola una figura di Segretario che lo coadiuvi nella propria attività e possa vicariarlo in momenti di assenza. A tale fine dovrà essere inviata al CD formale richiesta unita al Curriculum del candidato. Il CD provvederà a valutare la proposta e sancire la nomina del Segretario, destinato a durare in carica per un periodo analogo al mandato del Referente.

4) COMPITI DEI REFERENTI REGIONALI

a) Promuovere e Coordinare iniziative culturali e di aggiornamento, a carattere formativo o gestionale, proposte dagli iscritti della propria regione;

b) ricercare e promuovere rapporti con i responsabili regionali e locali delle amministrazioni sanitarie; monitorare la situazione normativa e strutturale delle realtà assistenziali endocrinologiche e diabetologiche; fornire supporto informativo gestionale e normativo ai singoli Soci che ne facciano richiesta.

c) Organizzare, almeno una volta l’anno, una riunione degli iscritti alla propria regione con carattere organizzativo e culturale;

d) curare i rapporti con le Associazioni locali dei Pazienti;

e) altri compiti, proposti dal responsabile stesso o richiesti dal CD AME.

5) PRESENTAZIONE E APPROVAZIONE DELLE INIZIATIVE REGIONALI

a) La via di inoltro delle proposte è sempre quella telematica.

b) Ciascun Referente Regionale presenta le proprie proposte o quelle dei soci della propria regione al Coordinatore Formazione e Attività Scientifica AME e ne richiede l’autorizzazione con almeno 4 mesi di anticipo.

c) Ogni richiesta dovrà sempre esplicitare titolo della iniziativa, obiettivi, data, sede, modalità di finanziamento, relatori (con centri di provenienza), programma, modalità di svolgimento e uniformità alle norme deontologiche AME.

d) Proposte non accreditabili nel programma ministeriale ECM sono generalmente sconsigliate.

6) RIUNIONE ANNUALE DEI REFERENTI REGIONALI

Oltre alle comunicazioni per via telematica, tra Referenti Regionali e Coordinatore dei Soci e Referenti Regionali, destinate al coordinamento nazionale delle iniziative, è previsto lo svolgimento di una riunione annuale dei Referenti Regionali, di preferenza in coincidenza con il Meeting annuale AME.
Il CD AME si riserva di indire eventuali riunioni straordinarie dei Referenti Regionali in qualsiasi momento e sede lo ritenga opportuno.

9 settembre 2008