Il paziente adrologico: dalla teoria alla clinica